Infezioni Obiettivo Zero

Rivista on line

Infezioni Obiettivo Zero

Rivista on line
a cura di Agenzia regionale di sanità Toscana
Novità in pillole
a cura della Redazione IOZ


Resistenza antimicrobica nell'UE/SEE (EARS-Net): i dati della Relazione epidemiologica annuale

26 luglio, 2022
Articolo di

ECDC. Antimicrobial resistance in the EU/EEA (EARS-Net) - Annual Epidemiological Report for 2020. Surveillance report, 25 Jul 2022 I risultati presentati in questo rapporto si basano sui dati sulla resistenza antimicrobica (AMR) segnalati alla Rete europea di sorveglianza della resistenza antimicrobica (EARS-Net) da 29 paesi dell'Unione europea (UE) e dello Spazio economico europeo (SEE) nel 2021 (dati riferiti al 2020) e sulle analisi delle tendenze dei dati comunicati dai paesi partecipanti per il periodo 2016-2020. Alcuni dati rilevanti: Le specie batteriche più segnalate nel report ECDC sono state E. coli (41,3%), seguita da S. aureus (21,9%), K. pneumoniae (11,9%), E. faecalis (8,4%), P. aeruginosa (6,2%), E. faecium (5,5%), S. pneumoniae (2,6%) e Acinetobacter (2,3%). Nel 2020, il numero complessivo di casi a livello UE/SEE è aumentato rispetto al 2019 per tutte le specie batteriche ad eccezione di S. pneumoniae. La situazione dell'AMR segnalata dai paesi UE/SEE a EARS-Net per il 2020 è variata ampiamente a seconda delle specie batteriche, del gruppo antimicrobico e della regione geografica. In generale, per le diverse specie batteriche-combinazioni di gruppi antimicrobici le percentuali più basse di AMR sono state segnalate dai paesi del nord dell'Europa, e la più alta dai paesi del sud e dell'est dell'Europa   Per maggiori dettagli consulta il rapporto ECDC

Resistenza antimicrobica nell'UE/SEE (EARS-Net): i dati della Relazione epidemiologica annuale

26 luglio, 2022
Articolo di

ECDC. Antimicrobial resistance in the EU/EEA (EARS-Net) - Annual Epidemiological Report for 2020. Surveillance report, 25 Jul 2022 I risultati presentati in questo rapporto si basano sui dati sulla resistenza antimicrobica (AMR) segnalati alla Rete europea di sorveglianza della resistenza antimicrobica (EARS-Net) da 29 paesi dell'Unione europea (UE) e dello Spazio economico europeo (SEE) nel 2021 (dati riferiti al 2020) e sulle analisi delle tendenze dei dati comunicati dai paesi partecipanti per il periodo 2016-2020. Alcuni dati rilevanti: Le specie batteriche più segnalate nel report ECDC sono state E. coli (41,3%), seguita da S. aureus (21,9%), K. pneumoniae (11,9%), E. faecalis (8,4%), P. aeruginosa (6,2%), E. faecium (5,5%), S. pneumoniae (2,6%) e Acinetobacter (2,3%). Nel 2020, il numero complessivo di casi a livello UE/SEE è aumentato rispetto al 2019 per tutte le specie batteriche ad eccezione di S. pneumoniae. La situazione dell'AMR segnalata dai paesi UE/SEE a EARS-Net per il 2020 è variata ampiamente a seconda delle specie batteriche, del gruppo antimicrobico e della regione geografica. In generale, per le diverse specie batteriche-combinazioni di gruppi antimicrobici le percentuali più basse di AMR sono state segnalate dai paesi del nord dell'Europa, e la più alta dai paesi del sud e dell'est dell'Europa   Per maggiori dettagli consulta il rapporto ECDC

Infezioni · 18 maggio, 2022

Impatto del cambiamento climatico sulla salute e sulle malattie infettive

Articolo di Alice Matone Lara Tavoschi Marco Verani David Rocchi Valentina Ebani Luigi Sanità di Toppi Alessandro Massolo

La nostra salute risente gravemente del cambiamento climatico, in molti e diversi modi: è questo il tema a cui è dedicata la terza giornata della Settimana europea della salute pubblica (European Public Health Week – EPHW 16-20 maggio 2022), intitolata Climate change affects our health.

Infezioni

Impatto del cambiamento climatico sulla salute e sulle malattie infettive

Articolo di Alice Matone Lara Tavoschi Marco Verani David Rocchi Valentina Ebani Luigi Sanità di Toppi Alessandro Massolo

La nostra salute risente gravemente del cambiamento climatico, in molti e diversi modi: è questo il tema a cui è dedicata la terza giornata della Settimana europea della salute pubblica (European Public Health Week – EPHW 16-20 maggio 2022), intitolata Climate change affects our health.

images/infezioni/climate-change-2254711_pixabay_800x533.png
Infection Control · 17 maggio, 2022

Come i genitori scelgono di vaccinare i propri figli? L’illusione della razionalità nelle scelte

Articolo di Alice Chinelli Lara Tavoschi Virginia Casigliani

Le vaccinazioni rappresentano una delle misure di salute pubblica di maggior successo e più costo-efficaci. Tuttavia, fin dalla scoperta del primo vaccino contro il vaiolo alla fine dell’800 sono state riscontrate resistenze e scetticismo da parte della popolazione. La vaccinazione contro COVID-19 non ha fatto eccezione, portando di nuovo questo tema al centro del dibattito pubblico.

Infection Control

Come i genitori scelgono di vaccinare i propri figli? L’illusione della razionalità nelle scelte

Articolo di Alice Chinelli Lara Tavoschi Virginia Casigliani

Le vaccinazioni rappresentano una delle misure di salute pubblica di maggior successo e più costo-efficaci. Tuttavia, fin dalla scoperta del primo vaccino contro il vaiolo alla fine dell’800 sono state riscontrate resistenze e scetticismo da parte della popolazione. La vaccinazione contro COVID-19 non ha fatto eccezione, portando di nuovo questo tema al centro del dibattito pubblico.

images/Vaccini_bambini_800x533.png
Modelli Organizzativi · 16 maggio, 2022

16-20 maggio 2022, settimana europea di salute pubblica: aumentare la consapevolezza, promuovere la collaborazione

Articolo di

Dal 16 al 20 maggio 2022 si svolgerà la Settimana europea di salute pubblica (European Public Health Week - EUPHW) promossa dalla European Public Health Association (EUPHA). L’evento ha lo scopo di aumentare la consapevolezza sulla salute pubblica e promuovere la collaborazione tra la comunità della salute pubblica in Europa.
Il tema dell'edizione 2022 della Settimana è  Health throughout the life course (La salute lungo tutto il corso della vita) e si occupa di tutto ciò che ha effetto durante la vita.
Ogni giorno della Settimana europea della sanità pubblica mette in luce un tema diverso, come segue: lunedì 16 maggio 2022: Una gioventù sana e alfabetizzata sulla salute martedì 17 maggio: La vaccinazione come strategia di prevenzione chiave mercoledì 18 maggio: Il cambiamento climatico colpisce la nostra salute giovedì 19 maggio: Nessuna salute senza salute mentale venerdì 20 maggio: Costruire un sistema sanitario resiliente IOZ, il nostro giornale on line, ha deciso di aderire a questa iniziativa e in questa settimana proporrà degli articoli legati alle tematiche di ogni giornata, declinate al contesto delle malattie infettive e della loro prevenzione. La pandemia da SARS- Cov2 infatti ha portato all’attenzione l’importanza di porre attenzione al tema delle malattie infettive, della loro prevenzione attraverso comportamenti e vaccini. Ma non va trascurato che, già da prima, l'attenzione era posta sul problema legato alla diffusione delle malattie da germi multiresistenti. Inoltre problemi emergenti all’apparenza lontani, come il cambiamento climatico, stanno avendo e avranno connessioni con le malattie infettive. Seguiteci nel corso di questa settimana e... buona lettura!  Per approfondire le tematiche della settimana consulta anche i nostri articoli:  Come i genitori scelgono di vaccinare i propri figli? L’illusione della razionalità nelle scelte. A cura di: Virginia Casigliani, Alice Chinelli, Lara Tavoschi - Università di Pisa Impatto del cambiamento climatico sulla salute e sulle malattie infettive. A cura di: Alice Matone, Lara Tavoschi, David Rocchi, Marco Verani, Valentina Ebani, Luigi Sanità di Toppi, Alessandro Massolo Costruire un sistema sanitario resiliente: l'importanza di misurare. A cura di: Silvia Forni

Modelli Organizzativi

16-20 maggio 2022, settimana europea di salute pubblica: aumentare la consapevolezza, promuovere la collaborazione

Articolo di

Dal 16 al 20 maggio 2022 si svolgerà la Settimana europea di salute pubblica (European Public Health Week - EUPHW) promossa dalla European Public Health Association (EUPHA). L’evento ha lo scopo di aumentare la consapevolezza sulla salute pubblica e promuovere la collaborazione tra la comunità della salute pubblica in Europa.
Il tema dell'edizione 2022 della Settimana è  Health throughout the life course (La salute lungo tutto il corso della vita) e si occupa di tutto ciò che ha effetto durante la vita.
Ogni giorno della Settimana europea della sanità pubblica mette in luce un tema diverso, come segue: lunedì 16 maggio 2022: Una gioventù sana e alfabetizzata sulla salute martedì 17 maggio: La vaccinazione come strategia di prevenzione chiave mercoledì 18 maggio: Il cambiamento climatico colpisce la nostra salute giovedì 19 maggio: Nessuna salute senza salute mentale venerdì 20 maggio: Costruire un sistema sanitario resiliente IOZ, il nostro giornale on line, ha deciso di aderire a questa iniziativa e in questa settimana proporrà degli articoli legati alle tematiche di ogni giornata, declinate al contesto delle malattie infettive e della loro prevenzione. La pandemia da SARS- Cov2 infatti ha portato all’attenzione l’importanza di porre attenzione al tema delle malattie infettive, della loro prevenzione attraverso comportamenti e vaccini. Ma non va trascurato che, già da prima, l'attenzione era posta sul problema legato alla diffusione delle malattie da germi multiresistenti. Inoltre problemi emergenti all’apparenza lontani, come il cambiamento climatico, stanno avendo e avranno connessioni con le malattie infettive. Seguiteci nel corso di questa settimana e... buona lettura!  Per approfondire le tematiche della settimana consulta anche i nostri articoli:  Come i genitori scelgono di vaccinare i propri figli? L’illusione della razionalità nelle scelte. A cura di: Virginia Casigliani, Alice Chinelli, Lara Tavoschi - Università di Pisa Impatto del cambiamento climatico sulla salute e sulle malattie infettive. A cura di: Alice Matone, Lara Tavoschi, David Rocchi, Marco Verani, Valentina Ebani, Luigi Sanità di Toppi, Alessandro Massolo Costruire un sistema sanitario resiliente: l'importanza di misurare. A cura di: Silvia Forni

Antibiotico resistenza · 13 maggio, 2022

L'OMS lancia il primo rapporto globale sulla prevenzione e il controllo delle infezioni

Articolo di

World Health Organization (WHO).  Global report on infection prevention and control. Executive summary (5 May 2022). Questo documento fornisce una sintesi dettagliata del contenuto del rapporto globale dell'OMS sulla prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC). Include un'analisi della situazione globale di come i programmi IPC vengono implementati nei paesi di tutto il mondo, in base alle prove della letteratura scientifica, di vari rapporti e di nuovi dati dagli studi dell'OMS. Evidenzia inoltre i danni ai pazienti e agli operatori sanitari causati dalle infezioni associate all'assistenza sanitaria e dalla resistenza antimicrobica, affronta l'impatto e l'efficacia in termini di costi dei programmi IPC e le strategie e le risorse disponibili per i paesi per migliorarli. In base ai dati riportati, il rapporto evidenzia come buoni programmi IPC possano ridurre le infezioni sanitarie del 70%. Questo documento si rivolge in primo luogo a coloro incaricati di prendere decisioni e formulare politiche nel campo dell'IPC a livello nazionale, subnazionale e di struttura.  

Antibiotico resistenza

L'OMS lancia il primo rapporto globale sulla prevenzione e il controllo delle infezioni

Articolo di

World Health Organization (WHO).  Global report on infection prevention and control. Executive summary (5 May 2022). Questo documento fornisce una sintesi dettagliata del contenuto del rapporto globale dell'OMS sulla prevenzione e il controllo delle infezioni (IPC). Include un'analisi della situazione globale di come i programmi IPC vengono implementati nei paesi di tutto il mondo, in base alle prove della letteratura scientifica, di vari rapporti e di nuovi dati dagli studi dell'OMS. Evidenzia inoltre i danni ai pazienti e agli operatori sanitari causati dalle infezioni associate all'assistenza sanitaria e dalla resistenza antimicrobica, affronta l'impatto e l'efficacia in termini di costi dei programmi IPC e le strategie e le risorse disponibili per i paesi per migliorarli. In base ai dati riportati, il rapporto evidenzia come buoni programmi IPC possano ridurre le infezioni sanitarie del 70%. Questo documento si rivolge in primo luogo a coloro incaricati di prendere decisioni e formulare politiche nel campo dell'IPC a livello nazionale, subnazionale e di struttura.  

I più letti