Pensa prima di agire: gestire i contatti e le contaminazioni per prevenire il rischio infettivo

25 maggio, 2020
Articolo di Daniela Accorgi Giulio Toccafondi

La pandemia causata dal virus Sars-CoV-2 ci sta dando molte lezioni sul tema della prevenzione e controllo del rischio infettivo in ambito sanitario e socio-sanitario.

Pensa prima di agire: gestire i contatti e le contaminazioni per prevenire il rischio infettivo

25 maggio, 2020
Articolo di Daniela Accorgi Giulio Toccafondi

La pandemia causata dal virus Sars-CoV-2 ci sta dando molte lezioni sul tema della prevenzione e controllo del rischio infettivo in ambito sanitario e socio-sanitario.

Infezioni · 19 maggio, 2020

COVID-19: il punto sulle terapie antivirali e su sperimentazione con plasma iperimmune

Articolo di Francesco Menichetti Alessandro Russo

Modelli Organizzativi · 28 aprile, 2020

La risposta alla pandemia da Sars-CoV-2 del network ospedaliero della Toscana

Articolo di Silvia Forni Fabrizio Gemmi Matteo Nocci

Antibiotico Resistenza · 27 aprile, 2020

Lettura e interpretazione dell’antibiogramma

Articolo di Eva Maria Parisio Giulio Camarlinghi

Modelli Organizzativi · 14 aprile, 2020

Le attività di Chirurgia generale nello scenario di pandemia da COVID-19

Articolo di Giulio Toccafondi Giorgio Tulli Francesco di Marzo

Modelli Organizzativi · 9 aprile, 2020

Governare l’inatteso. In ospedale

Articolo di Francesca Ciraolo

“Governare l’inatteso” è il titolo di un saggio molto interessante di KE Weick e KM Sutcliff, pubblicato nel 2007 che descrive le caratteristiche delle organizzazioni ad alta affidabilità (high reliability organizations, HRO), definite come “le aziende che ottengono performance di successo in condizioni complesse con livelli estremamente bassi di effetti negativi”. 

Modelli Organizzativi

Governare l’inatteso. In ospedale

Articolo di Francesca Ciraolo

“Governare l’inatteso” è il titolo di un saggio molto interessante di KE Weick e KM Sutcliff, pubblicato nel 2007 che descrive le caratteristiche delle organizzazioni ad alta affidabilità (high reliability organizations, HRO), definite come “le aziende che ottengono performance di successo in condizioni complesse con livelli estremamente bassi di effetti negativi”. 

images/modelli_organizzativi/osp_man_prev.jpg
Infezioni · 20 marzo, 2020

COVID-19: l’incertezza, i riferimenti informativi

Articolo di Giacomo Galletti

Il 16 marzo è stato pubblicato un articolo1 sul British Medical Journal secondo cui, sostanzialmente, nel Regno Unito gli effetti del coronavirus si trascineranno fino all'estate del 2021, con l’80% della popolazione infettata e il 15% (quasi 8 milioni) bisognosi di ospedalizzazione. Così almeno si dedurrebbe da un briefing document prodotto dal Public Health England per il Governo.

Infezioni

COVID-19: l’incertezza, i riferimenti informativi

Articolo di Giacomo Galletti

Il 16 marzo è stato pubblicato un articolo1 sul British Medical Journal secondo cui, sostanzialmente, nel Regno Unito gli effetti del coronavirus si trascineranno fino all'estate del 2021, con l’80% della popolazione infettata e il 15% (quasi 8 milioni) bisognosi di ospedalizzazione. Così almeno si dedurrebbe da un briefing document prodotto dal Public Health England per il Governo.

images/infection_control/infodemic_preview.jpg
Infection Control · 20 marzo, 2020

Persistenza del Coronavirus SARS-CoV-2 sulle superfici: un aggiornamento

Articolo di Fabrizio Gemmi Andrea Bassetti

Il 19 febbraio scorso, IOZ ha pubblicato un articolo con la descrizione delle caratteristiche di persistenza dei Coronavirus sulle superfici e sulla sensibilità ai disinfettanti1. Riferendosi alla recente pubblicazione di Kampf et al (2020)2, che riporta dati di sopravvivenza di diversi Coronavirus di interesse umano e veterinario, l’articolo sottolinea che il ceppo endemico di coronavirus umano HCoV-229E può rimanere attivo a temperatura ambiente su diverse superfici inanimate come metallo, vetro o plastica tra 2 ore e 9 giorni. Questa informazione è stata ripetutamente riportata dai media, fino a assumere, nella percezione comune, il significato semplicistico che “il virus che causa l’epidemia in corso persiste nell’ambiente per 9 giorni”.

Infection Control

Persistenza del Coronavirus SARS-CoV-2 sulle superfici: un aggiornamento

Articolo di Fabrizio Gemmi Andrea Bassetti

Il 19 febbraio scorso, IOZ ha pubblicato un articolo con la descrizione delle caratteristiche di persistenza dei Coronavirus sulle superfici e sulla sensibilità ai disinfettanti1. Riferendosi alla recente pubblicazione di Kampf et al (2020)2, che riporta dati di sopravvivenza di diversi Coronavirus di interesse umano e veterinario, l’articolo sottolinea che il ceppo endemico di coronavirus umano HCoV-229E può rimanere attivo a temperatura ambiente su diverse superfici inanimate come metallo, vetro o plastica tra 2 ore e 9 giorni. Questa informazione è stata ripetutamente riportata dai media, fino a assumere, nella percezione comune, il significato semplicistico che “il virus che causa l’epidemia in corso persiste nell’ambiente per 9 giorni”.

images/infezioni/controllo_infezioni.jpg
Sepsi · 17 marzo, 2020

La sepsi come causa di decesso in pazienti COVID-19

Articolo di Silvia Forni Giulio Toccafondi Giorgio Tulli Fabrizio Gemmi

Il 30 gennaio 2020, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha ufficialmente denominato SARS-CoV-2 il nuovo Coronavirus e dichiarato COVID-19 (la sindrome acuta respiratoria che esso provoca) un'emergenza sanitaria globale: si tratta di un "outbreak senza precedenti".

Sepsi

La sepsi come causa di decesso in pazienti COVID-19

Articolo di Silvia Forni Giulio Toccafondi Giorgio Tulli Fabrizio Gemmi

Il 30 gennaio 2020, l'Organizzazione Mondiale della Sanità ha ufficialmente denominato SARS-CoV-2 il nuovo Coronavirus e dichiarato COVID-19 (la sindrome acuta respiratoria che esso provoca) un'emergenza sanitaria globale: si tratta di un "outbreak senza precedenti".

images/infection_control/Coronavirus_intro.jpg
I più letti